venerdì 26 ottobre 2012

LIBERE DI SCEGLIERE

Dopo aver realizzato diverse attività, promosso spazi di confronto e di protagonismo femminile ed aver posto all'attenzione della città alcune importanti tematiche quali quella della violenza di genere ed in particolare della violenza domestica su donne e bambini, sentiamo oggi il bisogno di dare una veste più formale e democratica alla rete Terni Donne e decidiamo perciò di costituirci nell'Associazione di Promozione Sociale “Terni Donne”.

La nostra città merita che la voce delle donne sia una voce autorevole e forte in grado di rappresentare diverse generazioni, sensibilità, opinioni, tematiche, bisogni e desideri ed è quello che ci prefiggiamo di continuare a fare con la costituzione dell'associazione in modo sempre più qualificato e forte.

Il vuoto, la mancanza, l'assenza delle donne dai vari contesti istituzionale, culturale , economico e pubblico, l'esclusione, la marginalizzazione, l'autoisolamento delle donne dai luoghi destinati all'assunzione di decisioni e responsabilità sta determinando nel nostro territorio e nella nostra comunità un'involuzione sociale e culturale e le prime a farne le spese sono proprio le donne.

L'associazione è uno strumento che ci diamo per accordare le nostre voci sulla stessa tonalità per poi amplificarla e diffonderla in modo da essere esempio e aiuto per le altre donne e spronarle a prendere la parola ed assumere un ruolo più attivo e da protagoniste della loro vita e nelle relazioni con gli altri.

Dall'inizio la rete ha avuto un obiettivo chiaro che rimane ancora valido: la nostra città merita una Casa delle Donne in cui si possano agire relazioni e attività differenti, in cui si possa dare forma all'alternativa di genere, in cui donne di diverse generazioni e di differente provenienza possano incontrarsi e far nascere esperienze significative e liberanti, in cui ognuna si riconosca nell'altra e possa contemporaneamente valorizzare la propria individualità, in cui sia possibile trovare accoglienza anche per bambini e bambine e uomini che vogliono scegliere un modo d'essere libero da stereotipi e luoghi comuni.

L'obiettivo è chiaro, ottenere uno spazio per costruire la Casa delle Donne, l'orizzonte culturale nel quale ci muoviamo è quello della libertà di essere, muoversi, vivere, agire consapevolmente e responsabilmente, quello della libertà di scelta per ognuna, quello che ci manca sono i mezzi, ed è anche per questo che oggi decidiamo di costituire l'associazione. Questo percorso alimentato dai desideri di tante donne, un percorso di rete che abbraccia l'esperienza di associazioni e gruppi informali non si arresta dunque e in autunno si rilancia con l'avvio delle attività culturali e sociali dell'associazione: laboratori teatrali, scambio di oggetti per l'infanzia, scambio di libri, istituzione della biblioteca di genere, servizio di orientamento contro la violenza, esperienze di incontro e scambio di saperi artigianali... abbiamo intenzione di organizzare una grande festa in modo da coinvolgere tante donne nel percorso associativo e di raccogliere i fondi necessari per finanziare le attività che intendiamo promuovere, la fase costituente dell'associazione è stata entusiasmante, trenta tra persone ed associazioni hanno deciso di fondare l'associazione ed ora ne vogliamo far entrare tantissime, aprirci completamente nella speranza di poter dare un segnale concreto anche al mondo dell'associazionismo!

A breve parteciperemo alla discussione sulla legge regionale sulle politiche di genere, seguiremo con interesse l'istituzione di due nuovi centri antiviolenza e non mancheremo di sottolineare mancanze più o meno consapevoli affinché venga assicurata la piena libertà di ogni donna sulla propria vita come nel caso della mancata promulgazione dei regolamenti necessari affinché si possa scegliere di abortire tramite pillola abortiva invece che sottoporsi ad intervento chirurgico o come nel caso della mancata approvazione della proposta di legge regionale "Norme per la tutela del percorso nascita e del parto naturale nelle strutture ospedaliere, nelle case maternità e a domicilio” che intende garantire a tutte le donne il diritto alla libertà di scelta del luogo del parto!

Chiunque volesse contattarci per proporre attività, gruppi, problemi e questioni può farlo scrivendo alla nostra email ternidonne@gmail.com, oppure tramite facebook dove abbiamo sia un account che un gruppo, è online anche il nostro nuovo blog: http://ternidonne.blogspot.it/

Nessun commento:

Posta un commento