giovedì 28 maggio 2015

Bambine e bambini nel tempo

l’ISUC 
(Istituto per la Storia dell’Umbria Contemporanea)
Terni Donne
Casa delle Donne


invitano

giovedì 28 maggio 2015 – ore 17,00 presso
Casa delle Donne
via Aminale, 20-22 – Terni


alla presentazione del fascicolo XIII/2, 2014 della rivista della Società italiana delle storiche 
Genesis (Viella, Roma, pp. 208) dedicato al tema

Bambine e bambini nel tempo

Programma

Saluti
Paola Gigante Presidente Associazione “Terni Donne”


Introduce

Carla Arconte Isuc

Interviene
Adelisa Malena
Università degli studi di Venezia “Ca’ Foscari”


«Sviluppatasi nell’alveo della nuova storia sociale, l’obiettivo della storia dell’infanzia è stato fin dalle sue origini quello di dar voce a protagonisti rimasti per lungo tempo ai margini della “Storia”. Nonostante le alterne vicende della disciplina, le discussioni metodologiche che la attraversano e le difficoltà oggettive di scrivere la storia dei più giovani, a partire dal problema delle fonti, dagli anni ’60 a oggi bambine e bambini si sono affermati come soggetti storici essenziali alla comprensione del passato. La data di nascita della storia dell’infanzia viene fatta convenzionalmente coincidere con la pubblicazione di L’Enfant et la vie familiale sous l’ancien régime. Nonostante i noti limiti metodologici dello studio di Ariès, infatti, il libro ebbe l’indubbio e dirompente merito di storicizzare l’infanzia, dimostrando che essa doveva essere considerata non come un fenomeno “naturale” o “universale”, bensì come un fatto storico, e come tale legato alle specificità dei contesti [...]. Sappiamo oggi che i bambini non sono stati “scoperti” fra il XVI e il XVII secolo, e che concezioni specifiche dell’infanzia possono essere rintracciate nel corso dell’intera storia umana. L’accumularsi della ricerca storica sembra confermare che la cifra principale dell’infanzia (come idea e come esperienza) risiede proprio nella sua molteplicità, da indagare all’intersezione di classe, etnia, religione, situazione familiare e, inevitabilmente, genere» (dall’Introduzione di Stefania Bernini e Adelisa Malena).

INDICE Introduzione, a cura di Stefania Bernini e Adelisa Malena - Pia Schmid, Bambini e bambine modello. Pietà infantile e costruzioni di genere nelle raccolte pietiste di vite esemplari - Margot Hillel, Training for adulthood: gender in nineteenth and early twentieth-century children’s books in Australia - Juri Meda, «Non giocate col fuoco!». L’infanzia italiana, la ridefinizione dell’identità di genere maschile e la campagna per il disarmo del giocattolo (1946-1956) - Dorena Caroli, Bambine, bambini e animali parlanti nei racconti di Eduard Uspenskij per l’ultima generazione sovietica  - Benita Blessing, Disciplinare ed educare. Ruoli di genere nel cinema per bambini della Ddr  Ricerche Fabien Lacouture, Le droit au jeu dans la peinture vénitienne au XVIe siècle  Interventi Christiane Demeulenaere-Douyère, Éducation, subversion des genres, et révolution sociale: l’éducation des garçons et des filles selon Paul Robin

Per informazioni
ISUC (sezione di Terni)
p.le Antonio Bosco 3A – 05100 Terni
tel. 075 5763030


Nessun commento:

Posta un commento