mercoledì 28 giugno 2017

7 luglio: Human Library + film alla Casa delle Donne di Terni

VENERDì 7 LUGLIO
Casa delle Donne di Terni
Via L. Aminale 20/22 - Terni

ore 19:00
HUMAN LIBRARY + APERITIVO


La biblioteca vivente si presenta come una vera biblioteca, con i bibliotecari e un catalogo di titoli da cui scegliere, la differenza sta nel fatto che per leggere i libri non bisogna sfogliare le pagine ma … parlarci, perché i libri sono persone in carne ed ossa! Questi “libri viventi” vengono “presi in prestito” per la conversazione: ogni lettore sceglie il suo libro.

A cura di Associazione Terni Donne e Associazione Cidis Onlus

ore 21:00
Proiezione del film
EAT SLEEP DIE
Lungometraggio (Svezia, 2012)
Durata 103′
Regia di Gabriela Pichler Con N. Lukac e M. Dragišic


Raša, svedese e musulmana di origine balcanica, viene licenziata dalla fabbrica dove lavorava. Non ha un titolo di studio adeguato e deve mantenere il padre. Prova a reinserirsi nel mondo del lavoro, ma all’improvviso si accorge di non godere di pari opportunità nel Paese in cui ha scelto di vivere.

6 luglio: cena benefit + film alla casa delle Donne di Terni

Giovedì 6 luglio 2017
Casa delle Donne di Terni
Via L. Aminale 20/22 - Terni

ore 19:00 - 21:00
Cena a Buffet di raccolta fondi in favore dell'Associazione


Sostegno a distanza di una scuola superiore femminile situata nel distretto indiano di Dharmapuri in Tamil Nadu. La scuola ha l'obiettivo di ridurre la dispersione scolastica in particolare tra le bambine e contrastare così il fenomeno dei matrimoni forzati.

Costo della cena 15,00 euro, 
prenotazione obbligatoria entro mercoledì 05/07/2017

in collaborazione con Saquella Espresso Club Terni


ore 21:00
I matrimoni forzati, interventi a cura di:
La gioia di Vivere ONLUS 
Amnesty International 
Unicef Italia

ore 21:30
Proiezione del film
LA SPOSA BAMBINA
Lungometraggio (Yemen, 2014)
Durata 99′
Regia di Khadija Al-Salami Con Reham Mohammed



Nojoom ha dieci anni ed stata costretta dal padre a sposare un uomo molto più anziano, che l’ha poi riconsegnata come se fosse un oggetto difettoso. Riesce a fuggire ed inizia una battaglia legale per ottenere il divorzio in un contesto fatto di miseria ed ignoranza. Basato su una storia vera.

in collaborazione con 

lunedì 5 giugno 2017

Call per cantanti e non - Voci In Festa - 21 giugno 2017



Voci in Festa 
21 giugno 2017
Festa Internazionale della Musica
http://www.festadellamusica.beniculturali.it

La Casa delle Donne di Terni, il 21 giugno 2017, in occasione della Festa Internazionale della Musica 
propone una CALL per cantanti soliste.  

Voci in Festa alla Casa delle Donne di Terni aderisce alla 
AIPFM Associazione Italiana per la Promozione della Festa della Musica.

Regolamento CALL
  1. Voci in festa CALL è aperto a donne di tutte le età.
  2. Numero max 20 persone.
  3. Ogni persona ha a disposizione max 5 minuti per presentarsi e cantare.
  4. Si può portare una sola canzone di qualsiasi genere musicale.
  5. Voci in festa mette a disposizione, per chi lo richiede, un accompagnamento musicale eseguito da musicisti/e volontari/e collaboratori/trici della festa.
  6. L'accompagnamento musicale è facoltativo, Voci in festa sostiene il canto a cappella.
  7. E' possibile essere accompagnate da una/un propria/o musicista per l'accompagnamento.
  8. Non è possibile portarsi una base registrata.
  9. Le richieste vanno inoltrate entro e non oltre il 16 giugno.
  10. Verrà data comunicazione dell'avvenuta iscrizione da parte dell'organizzazione.
  11. I coordinatori artistici stileranno una scaletta con i pezzi regolarmente iscritti.
  12. Per iscriversi inviare richiesta comprendente: 
  • Nome, Cognome, residenza e n. di telefono
  • Titolo del brano
  • Indicare se si richiede accompagnamento musicale all'organizzazione, se si canta a cappella o si viene accompagnata da una/un musicista.

Ogni altra informazione utile verrà valutata e comunicata direttamente con le persone iscritte a Voci in festa.

L'esibizione si svolgerà nella Casa delle Donne in una sala senza palco disposta di microfono e amplificazione.

L'esibizione è prevista dalle ore 20,30 alle ore 22,00 circa. A seguire ci saranno esibizioni di gruppi e singole/artiste/i.

Dalle ore 18,30 ci sarà un aperitivo.
La festa è aperta a tutte e tutti.

Organizzazione: Terni Donne.
Coordinamento artistico: Anna Maria Civico, Elena D'Ascenzo, Valentino Ceccobelli.

Inviare la richiesta alla email: vocinfestaterni@gmail.com

INFO: vocinfestaterni@gmail.com – tel. 39 329 5653008 
FB: Voci in festa - Terni
FB: Casa delle Donne – Terni

Indirizzo: Via Aminale, 20 Terni

mercoledì 24 maggio 2017

PRIMA DELLA PRIMA




LUNEDì 29 MAGGIO 2017 h 18:00
PRIMA DELLA PRIMA
Casa delle Donne
Via L. Aminale, 20/22 - Terni

A conclusione delle riprese della Webserie "Libere di Volare" sul tema del diritto all'istruzione delle ragazze, verrà presentato alla cittadinanza il percorso che ha visto impegnati tanti giovani dei laboratori di sceneggiatura, video e audio e recitazione di Progetto Mandela. 

Nel corso dell'evento sarà proiettato il primo dei 5 episodi della Web-serie 
che andrà online prossimamente.

La Produzione della Web-Serie è finanziata dalla Regione dell’Umbria, da una gruppo di produttori dal basso tramite crowdfunding e vede come partner Il Pettirosso, La Casa delle Donne, Monimbò, l’Associazione "Per un sorriso Monica De Carlo", gode di un contributo della FUIS erogato nell’ambito del concorso d’idee SMART PITCH e del CESVOL, ha il Patrocinio del Comune di Terni e dell'Ufficio scolastico Regionale.

L'evento sarà occasione per dare uno sguardo dietro le quinte della lavorazione e conoscere i giovani autori e attori della serie. A conclusione sarà offerto un piccolo aperitivo.

CELEBRAZIONE DI LUNA PIENA “IL TEMPO DEL RACCOLTO”


9 giugno 2017 dalle ore 18:30
Casa delle Donne di Terni
Via L. Aminale 20/22 - Terni

CELEBRAZIONE DI LUNA PIENA
“IL TEMPO DEL RACCOLTO”


Un mese dopo la Benedizione Mondiale del Grembo di maggio, e in una fase di cambiamento che precede il cambio di stagione, ci riuniremo in cerchio per celebrare il ritorno della luna piena che anticipa l’arrivo dell’estate.


Attraverso visualizzazioni e meditazioni ci connetteremo col Divino Femminile per entrare in contatto con la nostra energia creativa e spirituale, e, prendendo ispirazione dal tema del raccolto, utilizzeremo la presenza delle altre donne in cerchio per condividere riflessioni ed esperienze.

Indossare abiti comodi e portare, se si vuole, una ciotola, una candelina e lo scialle.

per iscrizioni inviare email a ternidonne@gmail.com
Evento gratuito, gradita un'offerta di sottoscrizione per le attività della Casa delle Donne

L’incontro sarà condotto da Eleonora Ambrusiano

Assistente sociale e pedagogista, ha lavorato come educatrice di ludoteca e con minori anche con disturbi dell'apprendimento, e nell'ambito della formazione degli adulti. Ha frequentato il Corso di Perfezionamento in Comunicazione e Relazioni Interpersonali presso l’Università di Siena. Si definisce interessata ai linguaggi e alla comunicazione nello loro varie possibilità, visti anche come opportunità di interazione con gli altri, relazione e superamento delle difficoltà.

Cercatrice curiosa e appassionata ha riscoperto il contatto con la Dea e col femminile sacro diventando una Moon Mother, e cercando di utilizzare la creatività nel processo di scoperta e di espressione di sè.


mercoledì 12 aprile 2017

ASSEMBLEA DELLE SOCIE 
DELL'ASSOCIAZIONE TERNI DONNE



Venerdì 21 aprile
Casa delle Donne
Via L. Aminale 20/22

h 18:00 ASSEMBLEA DELLE SOCIE

Ordine del Giorno:
Illustrazione delle attività svolte nel 2016
Approvazione del rendiconto economico-finanziario del 2016
Attività ed iniziative alla casa delle Donne
Varie ed Eventuali

Care socie come ogni anno siamo chiamate a partecipare all'assemblea annuale delle socie della nostra associazione per approvarne il rendiconto economico- finanziario del 2016.

L'assemblea sarà anche l'occasione per un nuovo e non rituale confronto sulle attività dell'Associazione e della Casa delle Donne, un importante momento per proporre nuove attività e per rinnovare il nostro impegno. 

L'Assemblea è aperta e tutte le donne che vi vorranno partecipare con diritto di voto per le socie.

 Essere socie è il modo più semplice e importante per contribuire alle realizzazione delle attività della Casa delle Donne volte al benessere e all'autodeterminazione di tutte le donne!

Se non siete ancora socie o non avete rinnovato la tessera per il 2017 potete farlo direttamente venerdì 21 aprile oppure passando alla Casa delle Donne tutti i giorni dal lunedì al venerdì dalle 15:30 alle 19:30.

QUOTA SOCIALE 2017 € 15,00


Vi aspettiamo!

lunedì 10 aprile 2017

Benedizione Mondiale del Grembo

10 maggio 2017 dalle ore 17:30
Casa delle Donne di Terni
Via L. Aminale 20/22 - Terni

BENEDIZIONE MONDIALE DEL GREMBO

17:30 Laboratorio di manipolazione dell'argilla
18:15 Benedizione Mondiale del Grembo

per iscrizioni inviare email a ternidonne@gmail.com
Evento gratuito, gradita un'offerta di sottoscrizione per le attività della Casa delle Donne



Durante il laboratorio ci lasceremo ispirare dai simboli della Dea per creare con l'argilla il nostro gioiello personale da indossare in seguito durante l'Armonizzazione della Benedizione Mondiale del Grembo.


L'Armonizzazione della Benedizione del Grembo è un dono d'energia ad ogni donna di ogni età ed esperienza, che porterà guarigione al nostro grembo, al suo ciclo, alla nostra creatività e fertilità, alla nostra sessualità e spiritualità.
L'armonizzazione ripristina la nostra naturale purezza e bellezza, la nostra abbondanza e il nostro amore, la nostra creatività e magia, la nostra saggezza e la nostra forza. Ci libera dal passato, dalle aspettative limitanti, dal dolore e dalle pene, rilasciando una gioia sentita e l'espressione del potere e della bellezza della donna. È una bella benedizione e guarigione di luce per l'anima delle donne in un mondo duro e dominato dagli uomini.

Può partecipare ogni donna, con utero o meno, con il ciclo mestruale o in menopausa; l'unica condizione è che le più giovani abbiano avuto il primo ciclo. La Benedizione del Grembo non riguarda solo la fertilità.

Ci si deve iscrivere alla Benedizione Mondiale entro il 9 maggio, cliccando qui: http://www.wombblessing.com/italian-invitation.html
e scegliendo la fascia oraria delle 12 (ora inglese).

Per qualsiasi altra informazione generale, si può visitare questo link: http://www.wombblessing.com/italian-aboutblessing.html

Indossare abiti comodi e portare:

2 ciotoline (non di plastica)
uno scialle da indossare
candelina (tipo tealight)
un fiore
qualcosa di buono da mangiare e da condividere al termine della meditazione

Il laboratorio e l'Armonizzazione della Benedizione del Grembo saranno condotti da Eleonora Ambrusiano. Assistente sociale e pedagogista, ha lavorato come educatrice di ludoteca e con minori anche con disturbi dell'apprendimento, e nell'ambito della formazione degli adulti. Si definisce interessata ai linguaggi e alla comunicazione nello loro varie possibilità, visti anche come opportunità di interazione con gli altri, relazione e superamento delle difficoltà.
Cercatrice curiosa e appassionata ha riscoperto il contatto con la Dea e col femminile sacro diventando una Moon Mother, e cercando di utilizzare la creatività nel processo di scoperta e di espressione di sè.


Stage di movimento e scrittura corporea

Stage di movimento e scrittura corporea
Luogo Nessun di Casa  - la casa di nessun luogo

a cura di Michela Rosa 
venerdì 26 maggio 
dalle 15,30 alle 18,30
Casa delle Donne di Terni
La partecipazione allo stage prevede un contributo di euro 20,00

Come voi avete occhi per vedere la luce, e orecchie per sentire i suoni, così avete un cuore per percepire il tempo. E tutto il tempo che il cuore non percepisce è perduto, come i colori dell'arcobaleno per un cieco o il canto dell'usignolo per un sordo." 
da Momo di Michael Ende




L'IDEA:
Uno stage che unisce  tecniche espressive e compositive proprie delle arti sceniche (teatro e danza), per stabilire un contatto e un colloquio proficuo con il nostro sè trasfigurato sulla scena. Un Io potente -come direbbe Feldenkrais- sepolto sotto coltri di polvere,che può essere rintracciato,interpellato,ascoltato e vissuto.

A CHI E' RIVOLTO:
Uno stage pensato per le donne con qualsiasi background: la vita è la più grande e dura palestra. Non c'è una fascia d'età stabilita perché ci muoviamo in un terreno dove il dato anagrafico è uno dei parametri più relativi,qualsiasi donna è benvenuta col suo corpo,la sua biografia,le sue capacità e i suoi limiti: saranno il materiale prezioso da cui partirà per creare.

OBIETTIVI:
Il primo obiettivo è quello di fornire alle partecipanti uno spazio protetto e sacro in cui ricominciare a respirare,in cui sia possibile andare in ricognizione di se stesse,delle proprie parti,attraverso se stessa e le altre. Successivamente sarà quello di creare un filo,un nostro Logos,con un nostro alfabeto,un nostro linguaggio,articolando il quale saremo in grado di scrivere dei brevi lavori performativi.

TIPO DI LAVORO:
Ci muoveremo e staremo anche in osservazione quindi l'abbigliamento consigliato è comodo e a strati. E' utile,nel lavoro di creazione,avere anche costumi e oggetti preziosi per ciascuna quindi se avete un vestito,un cappello,delle scarpe improbabili ma che amate portateli al laboratorio.

CONDUTTRICE  MICHELA ROSA - breve profilo:
Mi formo a partire dalla danza classica che studio presso la Scuola del Teatro dell'Opera di Roma. Proseguo con lo studio delle tecniche contemporanee e successivamente del teatro danza. Sono operatrice artistica in danza con attestato FSE rilasciato da Inteatro di Polverigi e sono insegnante di metodologia GYROTONIC GYROKINESIS.
Sono mamma di una ragazza,sono un'artista e una donna in lotta per i propri diritti.

PARTECIPANTI: MINIMO 6

ISCRIZIONI: MIchela Rosa viene da fuori Regione, per motivi organizzativi è indispensabile far pervenire la propria iscrizione entro martedì 23 maggio all'email ternidonne@gmail.com

lunedì 6 marzo 2017

Anche la scuola verso l'8 marzo

In vista dell'8 marzo 2017 le insegnanti Nicoletta Di Paolo e Alessandra Goatelli, della classe IC T.P. della Scuola Primaria G. Mazzini di Terni hanno realizzato un percorso culturale e didattico per affrontare con gli alunni e le alunne della propria classe il tema degli stereotipi di genere e della cultura del rispetto. Di seguito la documentazione del lavoro svolto che postiamo perché possa essere d'ispirazione alle insegnanti che volessero cimentarsi con l'educazione alle differenze!

Lettera per anticipazione del libro "Il Trattore della Nonna" di A. Roveda e P. Domeniconi

Gli alunni e le alunne realizzano un cartellone in cui sintetizzano la storia che inventano a partire dalla semplice lettura delle immagini del libro


Dopo aver letto il libro i bambini e le bambine hanno fatto alcune considerazioni e come sempre propongono la lettura del libro spiegando le loro motivazioni:

"E' la storia di due persone che si vogliono bene."
"...si aiutano"
"...si rispettano"
"...sono allegri e felici"

"Ognuno di loro fa le cose che gli piacciono di più"
"Sono felici perché sono liberi di essere come vogliono"

Il libro racconta la storia di un nonno che ama intrattenersi in casa, preparando crostate e occupandosi dei lavori domestici, mentre la nonna ama guidare il trattore e preferisce il lavoro nei campi. I bambini e bambine quasi increduli nell'osservare la copertina cercavano, dovendo descrivere l'immagine, di dare un senso alle azioni dei due protagonisti. Successivamente invece, nella lettura per anticipazione della storia, che gli alunni e le alunne effettuano a partire dalle immagini, sono stati molto disinvolti e privi di giudizi, descrivendo una situazione che sembrava loro del tutto normale poiché i protagonisti apparivano felici.

***********

La stessa classe ha partecipato a gennaio ad un laboratorio di lettura dal titolo "Il coraggio di essere io" che si è svolto in bct - biblioteca comunale terni, dove gli alunni hanno ascoltato la lettura di diversi libri sul tema della costruzione della propria identità attraverso il rispetto di se stessi e delle proprie inclinazioni.

In foto la curatrice del laboratorio, Elisabetta Grigioni, legge i libri selezionati

**************

Le stesse insegnanti già durante lo scorso anno scolastico 2015/2016 hanno lavorato con una classe quinta sul tema del diritto all'istruzione delle ragazze, leggendo e conversando con gli alunni e le alunne sulla storia di Malala.


Queste le letture che sono state fatte insieme ai bambini e alle bambine in occasione delle 
Giornata Internazionale della Donna del 2016



sabato 4 marzo 2017

Buon compleanno Casa delle Donne! E sono 3!


Siamo arrivate a tre!! Per il terzo anno consecutivo festeggiamo la nostra presenza sul territorio della città di Terni. Abbiamo fatto tanta strada e tanta ancora siamo pronte a percorrerne. 

Il compleanno della Casa delle Donne è un'occasione molto importante di aggregazione, condivisione e autofinanziamento. Se volete bene alla Casa delle Donne non potete mancare, se avete partecipato alle nostre tante attività, eventi, laboratori questa è l'occasione per donarci, con il vostro sostegno, un segno di amicizia.

Vi aspettiamo sabato 11 marzo con un programma davvero ricco.

Buon compleanno Casa delle Donne! E sono 3!
Sabato 11 marzo
Casa delle Donne
Via L. Aminale 20/22 - Terni


ore 18:00
Inaugurazione della Mostra IL RITRATTO DI GRUPPO
da un'esperienza di pittura guidata condotta da Francesca Ascione
presso la Casa delle Donne di Terni

ore 19:00
Esibizione del Coro della Casa delle Donne di Terni VocInsieme 
condotto da Anna Maria Civico, Elena D'Ascenzo e Lisa Maroni

ore 20:00
Cena di Autofinanziamento
Contributo per la Cena + spettacoli serali
a partire da € 15,00
prenotazione obbligatoria entro giovedì 09/03
ternidonne@gmail.com, 329.5653008
oppure passando alla Casa delle Donne

per chi non ha partecipato alla cena contributo
a partire da 5,00 € per partecipare alla serata

ore 21:30
CELLOP
Concerto per violoncello a cura di Flavia Massimo

ore 23:00
DJSET a cura di Playgirls from Caracas

E' aperto il tesseramento per l'anno 2017 all'Associazione Terni Donne, 
che gestisce la Casa delle Donne di Terni, costo della tessera 15,00 €

domenica 26 febbraio 2017

LOTTOMARZO SCIOPERO GLOBALE DELLE DONNE - SE LE NOSTRE VITE NON VALGONO, NOI SCIOPERIAMO!


LOTTOMARZO SCIOPERO GLOBALE DELLE DONNE
SE LE NOSTRE VITE NON VALGONO, NOI SCIOPERIAMO!


L’8 marzo le donne sciopereranno in 40 paesi in tutto il mondo.
Anche in Italia incroceremo le braccia interrompendo ogni attività produttiva e riproduttiva per protestare contro la violenza maschile sulle donne e tutte le forme di violenza di genere.

Sciopera con noi e partecipa alle iniziative del movimento Non Una Di Meno - Terni che verranno presentate in conferenza stampa il 2 marzo alla Casa delle Donne, Via L. Aminale, 20/22, alle ore 12:00.

VOLANTINAGGI dell'8 Marzo: 

>> Ore 8:30/9:30
Ingresso Zona Ospedaliera (davanti alla banca)
Ospedale Santa Maria di Terni

>> Ore 8:30/9:30
C.U.P. Centro Unico Prenotazione
Via Bramante, 37 – Terni
Usl Umbria 2 – Servizio Sanitario Regionale

➌ Sui nostri corpi, sulla nostra salute e sul nostro piacere decidiamo noi

Scioperiamo perché vogliamo l’aborto libero, sicuro e gratuito e l’abolizione dell’obiezione di coscienza. Scioperiamo contro la violenza ostetrica, per il pieno accesso alla Ru486, con ricorso a 63 giorni e in day hospital. Scioperiamo contro lo stigma dell’aborto e rifiutiamo le sanzioni per le donne che abortiscono fuori dalle procedure previste per legge a causa dell’alto tasso di obiezione: perché ognun* possa esercitare la sua capacità di autodeterminarsi. Vogliamo superare il binarismo di genere, più autoformazione su contraccezione e malattie sessualmente trasmissibili, consultori aperti a esigenze e desideri di donne e soggettività LGBTQI, indipendentemente da condizioni materiali-fisiche, età e passaporto.

>> Ore 10:00/11:00
Mercatino Settimanale
C/o Foro Boario

➍ Se le nostre vite non valgono, scioperiamo!

Scioperiamo per rivendicare un reddito di autodeterminazione, per uscire da relazioni violente, per resistere al ricatto della precarietà, perché non accettiamo che ogni momento della nostra vita sia messo al lavoro; un salario minimo europeo, perché non siamo più disposte ad accettare salari da fame, né che un’altra donna, spesso migrante, sia messa al lavoro nelle case e nella cura in cambio di sotto-salari e assenza di tutele; un welfare per tutte e tutti organizzato a partire dai bisogni delle donne, che ci liberi dall’obbligo di lavorare sempre di più e più intensamente per riprodurre le nostre vite.

>> Ore 12:00/13:30
Licei Ternani
Via Fratti incrocio con Via Nazario Sauro/Via Faustini
Davanti alla Pizzeria Lievitamore 

➏ Vogliamo distruggere la cultura della violenza attraverso la formazione

Scioperiamo affinché l’educazione alle differenze sia praticata dall’asilo nido all’università, per rendere la scuola pubblica un nodo cruciale per prevenire e contrastare la violenza maschile contro le donne e tutte le forme di violenza di genere. Non ci interessa una generica promozione delle pari opportunità, ma coltivare un sapere critico verso le relazioni di potere fra i generi e verso i modelli stereotipati di femminilità e maschilità. Scioperiamo contro il sistema educativo della “Buona Scuola” (legge 107) che distrugge la possibilità che la scuola sia un laboratorio di cittadinanza capace di educare persone libere, felici e autodeterminate.

ASSEMBLEA SINDACALE:

DIRITTI DELLE DONNE
a cura della Camera del Lavoro di Terni
Casa delle Donne // ore 9:30 – 13:00
Via L. Aminale 20/22 - Terni

CORTEO CITTADINO:

LOTTOMARZO SCIOPERO GLOBALE DELLE DONNE
SE LE NOSTRE VITE NON VALGONO, NOI SCIOPERIAMO!


Concentramento ore 16:00 Piazza delle Pace - Terni
Esibizione del Coro VocInsieme della Casa delle Donne di Terni
Lettura degli 8 PUNTI PER L'8 MARZO

Partenza Corteo ore 17:00 percorso:
⇣ Piazza delle Pace
⇣ Viale Turati
⇣ Corso del Popolo
⇣ Piazza Europa
Piazza delle Repubblica

Arrivo previsto a Piazza della Repubblica alle ore 18:00
Esibizione del Coro VocInsieme della Casa delle Donne di Terni
Lettura degli 8 PUNTI PER L'8 MARZO

Ti chiediamo di indossare qualcosa di nero e di fucsia perché sia visibile la tua partecipazione alla giornata, e/o di attaccarti addosso gli adesivi che potrai venire a ritirare alla Casa delle Donne di Terni dal Lunedì al Venerdì dalle ore 15:30 alle ore 19:30. Portiamo piccoli strumenti a percussione (tamburelli, legnetti, maracas, cembali, guiro, ecc...)

Un modo social di aderire all'iniziativa è postare in questo evento una foto o un video in cui ci fai vedere come hai attuato lo sciopero con l'hashtag#IncrociamoLeBraccia oltre agli altri hashtag ufficiali che sono:#NonUnaDiMeno #LottoMarzo #SiamoMarea

**** **** ****
Scioperiamo perché

La risposta alla violenza è l’autonomia delle donne

Scioperiamo contro la trasformazione dei centri antiviolenza in servizi assistenziali. I centri sono e devono rimanere spazi laici ed autonomi di donne, luoghi femministi che attivano processi di trasformazione culturale per modificare le dinamiche strutturali da cui nascono la violenza maschile sulle donne e la violenza di genere. Rifiutiamo il cosiddetto Codice Rosa nella sua applicazione istituzionale e ogni intervento di tipo repressivo ed emergenziale. Pretendiamo che nell’elaborazione di ogni iniziativa di contrasto alla violenza vengano coinvolti attivamente i centri antiviolenza.

Senza effettività dei diritti non c’è giustizia né libertà per le donne

Scioperiamo perché vogliamo la piena applicazione della Convenzione di Istanbul contro ogni forma di violenza maschile contro le donne, da quella psicologica a quella perpetrata sul web e sui social media fino alle molestie sessuali sui luoghi di lavoro. Pretendiamo che le donne abbiano rapidamente accesso alla giustizia, con misure di protezione immediata per tutte, con e senza figli, cittadine o straniere presenti in Italia. Vogliamo l’affidamento esclusivo alla madre quando il padre usa violenza. Vogliamo operatori ed operatrici del diritto formati perché le donne non siano rivittimizzate. 

Sui nostri corpi, sulla nostra salute e sul nostro piacere decidiamo noi

Scioperiamo perché vogliamo l’aborto libero, sicuro e gratuito e l’abolizione dell’obiezione di coscienza. Scioperiamo contro la violenza ostetrica, per il pieno accesso alla Ru486, con ricorso a 63 giorni e in day hospital. Scioperiamo contro lo stigma dell’aborto e rifiutiamo le sanzioni per le donne che abortiscono fuori dalle procedure previste per legge a causa dell’alto tasso di obiezione: perché ognun* possa esercitare la sua capacità di autodeterminarsi. Vogliamo superare il binarismo di genere, più autoformazione su contraccezione e malattie sessualmente trasmissibili, consultori aperti a esigenze e desideri di donne e soggettività LGBTQI, indipendentemente da condizioni materiali-fisiche, età e passaporto.

Se le nostre vite non valgono, scioperiamo!

Scioperiamo per rivendicare un reddito di autodeterminazione, per uscire da relazioni violente, per resistere al ricatto della precarietà, perché non accettiamo che ogni momento della nostra vita sia messo al lavoro; un salario minimo europeo, perché non siamo più disposte ad accettare salari da fame, né che un’altra donna, spesso migrante, sia messa al lavoro nelle case e nella cura in cambio di sotto-salari e assenza di tutele; un welfare per tutte e tutti organizzato a partire dai bisogni delle donne, che ci liberi dall’obbligo di lavorare sempre di più e più intensamente per riprodurre le nostre vite.

Vogliamo essere libere di muoverci e di restare. Contro ogni frontiera: 
permesso, asilo, diritti, cittadinanza e ius soli

Scioperiamo contro la violenza delle frontiere, dei Centri di detenzione, delle deportazioni che ostacolano la libertà delle migranti, contro il razzismo istituzionale che sostiene la divisione sessuale del lavoro. Sosteniamo le lotte delle migranti e di tutte le soggettività lgbtqi contro la gestione e il sistema securitario dell’accoglienza! Vogliamo un permesso di soggiorno incondizionato, svincolato da lavoro, studio e famiglia, l’asilo per tutte le migranti che hanno subito violenza, la cittadinanza per chiunque nasce o cresce in questo paese e per tutte le migranti e i migranti che ci vivono e lavorano da anni.

Vogliamo distruggere la cultura della violenza attraverso la formazione

Scioperiamo affinché l’educazione alle differenze sia praticata dall’asilo nido all’università, per rendere la scuola pubblica un nodo cruciale per prevenire e contrastare la violenza maschile contro le donne e tutte le forme di violenza di genere. Non ci interessa una generica promozione delle pari opportunità, ma coltivare un sapere critico verso le relazioni di potere fra i generi e verso i modelli stereotipati di femminilità e maschilità. Scioperiamo contro il sistema educativo della “Buona Scuola” (legge 107) che distrugge la possibilità che la scuola sia un laboratorio di cittadinanza capace di educare persone libere, felici e autodeterminate.

Vogliamo fare spazio ai femminismi

Scioperiamo perché la violenza ed il sessismo sono elementi strutturali della società che non risparmiano neanche i nostri spazi e collettività. Scioperiamo per costruire spazi politici e fisici transfemministi e antisessisti nei territori, in cui praticare resistenza e autogestione, spazi liberi dalle gerarchie di potere, dalla divisione sessuata del lavoro, dalle molestie. Costruiamo una cultura del consenso, in cui la gestione degli episodi di sessismo non sia responsabilità solo di alcune ma di tutt*, sperimentiamo modalità transfemministe di socialità, cura e relazione. Scioperiamo perché il femminismo non sia più un tema specifico, ma diventi una lettura complessiva dell’esistente.

Rifiutiamo i linguaggi sessisti e misogini

Scioperiamo contro l’immaginario mediatico misogino, sessista, razzista, che discrimina lesbiche, gay e trans. Rovesciamo la rappresentazione delle donne che subiscono violenza come vittime compiacenti e passive e la rappresentazione dei nostri corpi come oggetti. Agiamo con ogni media e in ogni media per comunicare le nostre parole, i nostri volti, i nostri corpi ribelli, non stereotipati e ricchi di inauditi desideri.

Se le nostre vite non valgono, noi scioperiamo. 
#NonUnaDiMeno #LottoMarzo


FB: https://www.facebook.com/nonunadimeno/
WWW: https://nonunadimeno.wordpress.com/
TT: https://twitter.com/nonunadimeno
IG: https://www.instagram.com/nonunadimeno/


Lo sciopero è stato indetto dalle sigle sindacali: Usi, Slai Cobas per il sindacato di Classe, Cobas, Sial Cobas, ADL-Cobas, Usi-Ait, Usb, Sgb, Flc-Cgil. Questo garantisce la copertura sindacale, indipendentemente dal fatto che si sia iscritte o meno a qualunque sindacato.

Esistono condizioni di lavoro e di vita molto diverse, perciò le forme di sciopero da sperimentare l'8 marzo saranno molteplici.

Siamo lavoratrici dipendenti, precarie, autonome, intermittenti, disoccupate, studentesse, pensionate e casalinghe e, indipendentemente da professione e status, siamo ogni giorno coinvolte in attività produttive e riproduttive che sfruttano le nostre capacità e ribadiscono la nostra subalternità.

Per attuare concretamente il blocco delle attività produttive e riproduttive, elenchiamo solo alcune delle possibili modalità di sciopero: astensione dal lavoro, sciopero bianco, adesione simbolica vestendosi di nero e fucsia (i colori ufficiali del movimento), sciopero dai lavori di cura e accudimento quotidiani, sciopero dai consumi (spesa, acquisti e uso elettrodomestici), e qualsiasi altra forma vorrai praticare.

Per informazioni https://nonunadimeno.wordpress.com/

#NonUnaDiMeno #LottoMarzo #SiamoMarea

giovedì 23 febbraio 2017

MINDFULNESS con Carla Marchettini


La pratica Mindfullness aiuta le donne ad acquisire consapevolezza del corpo e delle realtà interiori. Aiuta a sviluppare in modo integrato l'aspetto intellettuale e contemporaneamente le nostre qualità empatiche in un percorso di autoconoscenza e armonizzazione delle componenti fisiche e mentali e attraverso pratiche di rilassamento eseguite con una respirazione consapevole. Induce ad un costante impegno della persona che, applicando come un gioco l'attenzione nelle varie parti del corpo, impara a gestire i processi di tensione/distensione acquisendo maggiore consapevolezza del legame esistente tra mente e corpo.

Un percorso in 10 incontri a cura di Carla Marchettini 
che si terranno tutti i giovedì dalle ore 19:30 alle ore 21:00 
presso la Casa delle Donne di Terni in Via L. Aminale 20/22 
a partire da giovedì 9 marzo 2017.
E' previsto un contributo di partecipazione.
Gli incontri avranno luogo con un minimo di 5 persone iscritte.

Per iscriversi o avere info è sufficiente passare alla Casa delle Donne dal lunedì al venerdì dalle ore 15:30 alle ore 19:30 oppure scrivere una email a ternidonne@gmail.com.

Laboratorio di Bella Scrittura


Giovedì 9 marzo alle ore 17:00
Casa delle Donne
Via L. Aminale 20/22 - Terni

Quando: il giovedì
Orario: 17,00-18,00
Totale incontri: 4
E' previsto un contributo per la partecipazione.

per iscrizioni: ternidonne@gmail.com

Laboratorio di Bella Scrittura

In un’epoca altamente tecnologizzata e informatizzata è ormai sotto gli occhi di tutti che progressivamente stiamo perdendo l’abilità e il piacere della scrittura a mano, nonostante la sua provata importanza pedagogica. Ciò comporta oggettivamente un rischio di impoverimento in termini di sviluppo della motricità fine, della memoria visuo-motoria e dell’organizzazione cognitiva della scrittura, ma anche della capacità di esprimere noi stessi in un modo unico, immediato, estremamente personale. La scrittura a mano non è infatti un’abilità statica che si acquisisce una volta per tutte durante la scuola primaria, ma una competenza “fluida” che si modifica e rafforza nel tempo, e può variare a seconda delle situazioni, dei contesti, dello stress motorio o emotivo.
Si apprende dunque gradualmente, durante gli anni e in diverse fasi, fino ad arrivare alla scrittura automatica in cui lo scrivente adulto, la cui mano scorre senza un controllo cosciente, può concentrarsi solo sul contenuto. Tuttavia, per strutturarsi in una funzione efficiente, i movimenti scrittori devono essere eseguiti nel modo corretto e, per fare un salto di qualità nell’acquisizione di tale complessa abilità, la motivazione, l’impegno e la tenacia dovrebbero essere supportati da una tecnica e un metodo di insegnamento adeguati.
Non a caso si assiste in questi ultimi anni ad una progressiva perdita di abilità nella scrittura a mano, che spesso provoca anche agli adulti difficoltà, disagio e vergogna soprattutto nel confronto con gli altri. La scrittura a mano si caratterizza invece per essere un’espressione molto personale e caratteristica di ogni individuo, attraverso cui si possono esprimere sentimenti, emozioni e creatività, e dovrebbe quindi essere un tratto distintivo della personalità di cui essere orgogliosi.

Destinatarie

Il percorso formativo si rivolge a donne adulte che vogliano riscoprire il valore culturale ed espressivo della scrittura a mano, che hanno probabilmente già appreso il modello della corsiva inglese nelle forme maiuscole e minuscole e il cosiddetto “script” come altra scrittura minuscola non legata. Inoltre, tutte potranno avere benefici dalla pratica di alcuni piccoli accorgimenti per migliorare la propria scrittura corsiva, che risulterà più leggibile.

Il Programma formativo

Esercizi di ritmo per recuperare un ductus corretto per il corsivo.
Cenni sulle principali legature del corsivo.
Scrittura testi

a cura di Eleonora Ambrusiano, assistente sociale e pedagogista, siciliana di origine e toscana di adozione, ha lavorato come educatrice di ludoteca e con minori anche con disturbi dell'apprendimento, e nell'ambito della formazione degli adulti.
Si è appassionata alla calligrafia occidentale studiando l'Italica con la calligrafa Monica Dengo ad Arezzo. Nel 2014 ha partecipato alla Masterclass "Imparare a scrivere a mano nell'era digitale" organizzata dal Laboratorio di Comunicazione Interculturale e Didattica dell'Università Ca' Foscari di Venezia e dal 2015 fa parte dell'Associazione SMED, anche in qualità di membro del direttivo, per la promozione e la diffusione della scrittura a mano e la creazione di materiali didattici.
Tiene corsi di formazione, lezioni individuali e laboratori di scrittura a mano, anche per adulti e insegnanti e collabora con scuole primarie e secondarie, tra Arezzo e Terni.
Si definisce interessata ai linguaggi e alla comunicazione nello loro varie possibilità, visti anche come opportunità di interazione con gli altri, relazione e superamento delle difficoltà e crede nella formazione e nell'apprendimento continuo e permanente: anche per questo, da adulta, ha studiato la lingua dei segni italiana e lo spagnolo.
La scrittura a mano, le attività con la carta e atri materiali, l'impegno per realizzare progetti di educazione alla scrittura per bambini, anche con disturbi dell'apprendimento, e le esperienze lavorative e l'aggiornamento professionale nel campo dell'educazione (dell'infanzia e degli adulti) coniugano alla perfezione i suoi studi nell'ambito delle scienze sociali e le sue passioni.