giovedì 31 maggio 2018

La bambina dalle guance rosse


PRESENTAZIONE RIMANDATA A DATA DA DESTINARSI

Venerdì 8 giugno 2018 || ore 17:30

Casa delle Donne di Terni
Via L. Aminale 20/22 || Terni



Presentazione del libro



LA BAMBINA DALLE GUANCE ROSSE
di Marcella Bravetti
Altromondo Editore



Il libro sarà presentato dall’autrice Marcella Bravetti 
e dalla poetessa Chiara Passarella





“La bambina dalle guance rosse” è un romanzo ispirato a esperienze di vita, in parte vissute direttamente, in altre vissute e/o raccontate all’autrice da persone a lei legate da rapporti parentali o amicali. E' un viaggio a ritroso nella sua vita alla ricerca di radici comuni con Van Gogh, ci dà anche uno spaccato della vita di allora: una società prevalentemente rurale, la povertà per mancanza di lavoro che costringeva ad emigrare, la fatica di vivere lontano dal proprio paese!
Il racconto assume quasi l’andamento del “giallo”. La ricerca su Van Gogh “parente” si intreccia, infatti, con quella che più prende il cuore di Marcella: l’esistenza ancora in vita dell’amato fratello Benedetto! Lei non ha mai accettato tale perdita, tale ingiustizia fin da quando le dicono che è morto e lo vede steso morto! Non lo riconosce: non è lui! Arriva a far fare l’esame del DNA su quelli che sono ritenuti i suoi resti, nella speranza di avere conferma dei suoi sospetti. 
Il viaggio a ritroso è un’immersione in tutte le dolorose vicende che anno attraversato la loro esistenza:dalla morte della madre, su cui rimangono ombre scure, al giorno che le viene rivelata la parentela con Vincent Van Gogh.
Ritiene di aver visto il fratello nel ragazzo che le dicono essere amico di suo fratello,
nell’uomo che intravede nella macchina sotto casa e la saluta con la mano, crede sia l’uomo che va a far visita alla sorella Gianna o il “clochard” della cartolina. Si rende conto dei tanti segnali che ha sotto valutato. Torna ai tanti viaggi intrapresi con il padre e la sorella e riaffiorano parole, allusioni a fatti e persone di cui “si dice e non si dice”. Ricorda tutti i viaggi che compie da sola in Francia e Olanda dove trova anche tracce che legherebbero il pittore a quella che lei ritiene essere zia Anna, zia di suo padre, ma niente di sicuro, nemmeno che questa sia la vera parentela tra Anna e suo padre.



Marcella Bravetti nasce a Perugia nel 1938. A cinquant’anni viene messa in pre-pensionamento dalla fabbrica “Luisa Spagnoli” in cui era entrata come lavorante all’età di quattordici anni. Con il pensionamento ha potuto dedicarsi alle sue passioni: sindacali (sociali e politiche), pittura e scrittura.

Nessun commento:

Posta un commento